X
iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.

Il corso è stato aggiunto.
Clicca sul pulsante in basso per completare l'aquisto oppure clicca in qualsiasi punto fuori da questo box per chiuderlo e continuare la navigazione nel sito.

vai al carrello

Nessun prodotto nel carrello.

account
condividi

La sicurezza dei lavoratori agricoli: normative, rischi e prevenzione

Analisi dei rischi e delle misure di prevenzione per proteggere i lavoratori del settore agricolo

L’agricoltura è un pilastro dell’economia italiana, con oltre 1,1 milioni di imprese, di cui il 93,5% a conduzione familiare. Tuttavia, questo settore presenta un elevato rischio di infortuni. Tra il 2018 e il 2022, l’INAIL ha registrato 114.744 infortuni nel settore agricolo, di cui 447 mortali. I dati del 2023 mostrano un leggero aumento degli infortuni e una stabilità nei casi mortali rispetto all’anno precedente.

Le normative di riferimento

La sicurezza sul lavoro in agricoltura è regolata dal Decreto Legislativo 81/2008 (Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro) e da due decreti interministeriali del 2012 e 2013. Queste normative stabiliscono:

• Gli obblighi documentali per le imprese;
• L’attuazione di misure preventive e protettive;
• L’utilizzo di dispositivi di protezione individuale;
• Gli obblighi estesi anche ai lavoratori autonomi, come coltivatori diretti.

I rischi nel settore agricolo

I rischi in agricoltura sono numerosi e variano a seconda dell’azienda, dell’ambiente, dei macchinari e delle sostanze utilizzate. Tra quelli principali troviamo:

• Stress lavoro-correlato;
• Rischio biologico (contatto con animali, batteri, virus);
• Rischio chimico (uso di fitofarmaci, fertilizzanti);
• Rischi posturali e da movimentazione manuale dei carichi;
• Rischio incendio;
• Rischio rumore e vibrazioni.

Documenti obbligatori per le aziende

Le aziende agricole devono avere una serie di documenti obbligatori per garantire la sicurezza sul lavoro, vediamone alcuni:

• Documento di Valutazione dei Rischi (DVR);
• Attestati di formazione obbligatoria dei lavoratori;
• Piano di Emergenza Aziendale;
• Libretto di verifica periodica dei mezzi di sollevamento;
• Schede di sicurezza delle sostanze utilizzate;
• Registro dei trattamenti e smaltimento delle acque reflue.

Il ruolo dell’INAIL nella prevenzione

L’INAIL offre misure di sostegno alle imprese agricole per la prevenzione degli infortuni, tra cui incentivi per la sostituzione di trattori e macchinari obsoleti. Dal 2010, gli incentivi Isi hanno finanziato la sostituzione di migliaia di trattori e macchinari, con oltre 28.000 progetti presentati tra il 2016 e il 2022. Il bando Isi 2023 ha invece stanziato 90 milioni di euro per il settore agricolo.

Rafforzare la sicurezza: un dovere condiviso

La sicurezza sul lavoro in agricoltura richiede l’impegno di tutti gli attori del settore. Le istituzioni devono rafforzare la normativa e semplificare gli adempimenti burocratici, le aziende devono investire nella formazione e in attrezzature sicure, e i lavoratori devono adottare comportamenti sicuri. La sicurezza sul lavoro è non solo un obbligo legale, ma anche un investimento per un settore agricolo più efficiente, produttivo e competitivo.

Contattaci

contattaci per richiedere maggiori informazioni

© 2022 Studio Gamma Sas di Gallello A. & C.
powered by Idemedia®
Dal 7 al 26 agosto i nostri uffici saranno chiusi. La piattaforma FaD sarà sempre attiva per tutti gli utenti già iscritti, ma non sarà possibile procedere con nuove registrazioni. Le attività riprenderanno regolarmente il 28 agostoBuone vacanze da tutto lo Staff di StudioGamma.